basilicata, Blog, comunicati, europea, informazione, trasporti

Mozione su Mezzogiorno. Liuzzi (M5S): su strade Bradanica e Basentana, il Governo respinge e scarica responsabilità sugli enti locali

 

Oggi alla Camera dei Deputati, sono state discusse e votate le mozioni relative alle iniziative per il rilancio del Mezzogiorno. Il M5S ha presento le sue proposte per il Sud, battendosi principalmente su due fronti: sviluppo delle infrastrutture e sviluppo economico. La mozione dei pentastellati è stata però bocciata.

Eppure in materia di sviluppo infrastrutturale il M5S ha le idee chiare. Diritto alla mobilità; ripristino, valorizzazione ed elettrificazione delle linee ferroviarie. E ancora sviluppo dell’intermodalità, collegamenti delle periferie con i grandi centri e messa in sicurezza delle opere per la riduzione dell’incidentalità. Nell’atto, contenuti e bocciati anche impegni per la Basilicata in relazione alla strada Bradanica e alla strada Basentana.

Dai rapporti Svimez emerge la fotografia di una economia meridionale drammaticamente peggiorata. Il Movimento 5 stelle ha presentato una sua specifica mozione centrata sulla necessità che il governo intervenga a largo raggio rispetto alle gravissime carenze nei trasporti presenti del Sud del Paese. Tra le priorità infrastrutturali abbiamo inserito anche interventi volti alla messa in sicurezza delle strade lucane, al contrasto del dissesto idrogeologico, al completamento di strade come la Bradanica e la Basentana, alla messa in sicurezza di opere che crollano. Il Governo però, motivando la bocciatura della nostra mozione, ha scaricato le decisioni alle autorità più direttamente portatrici delle esigenze delle popolazioni coinvolte, quindi agli enti regionali e locali.

Rispetto alle problematiche sopra citate, cosa ha intenzione di fare il Governatore lucano Marcello Pittella? Sappiamo bene che questi problemi non possono essere più rimandati” ha dichiarato la parlamentare del M5S Mirella Liuzzi.

Mirella Liuzzi – Portavoce M5S alla Camera

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal 18/06/2014: n. 497 visite per questo post.