basilicata, Blog, comunicati, informazione

DDL Mezzogiorno, Liuzzi (M5S): Governo nega garanzia di trasparenza su fondi Matera 2019

Roma, 2 agosto 2017 – DL Mezzogiorno – E’ stato bocciato ieri alla Camera l’ordine del giorno a prima firma della parlamentare lucana del M5S Mirella Liuzzi che avrebbe impegnato il Governo a rendere trasparente l’uso dei 129 milioni di euro previsti per la realizzazione del progetto Matera 2019 che, di fatto, passano sotto il controllo dell’esecutivo, Invitalia e del commissario straordinario Salvo Nastasi.

“Ho presentato l’ordine del giorno alla Camera dopo la puntuale bocciatura degli emendamenti dei colleghi M5S al Senato che chiedevano la pubblicità e la rendicontazione di questi fondi. E’ assurdo che il Governo abbia accolto la nostra richiesta di trasparenza solamente come raccomandazione a riprova che questo esecutivo non ha alcuna intenzione di spiegare ai cittadini come vengano spesi i soldi pubblici. Una rendicontazione puntuale andava fatta e subito in quanto Matera 2019 è ormai alle porte. Sono stati già investiti molti soldi per quello che sarà un appuntamento importantissimo, fiore all’occhiello per la città dei Sassi sotto i riflettori di tutta Europa”, commenta la parlamentare lucana. “La presa in giro è doppia perché tra l’altro – incalza Liuzzi – un impegno di questo tipo non avrebbe generato alcuna ulteriore spesa per lo Stato”.

“Ciò che chiedevamo era molto semplice: una rendicontazione puntuale sull’avanzamento dei progetti, sugli interventi e sulle risorse attraverso la creazione di un’apposita sezione sul sito web istituzionale di INVITALIA. A nostro avviso, se si vuole davvero garantire trasparenza, è necessario pubblicare on line l’elenco sia dei fondi pubblici ma soprattutto quelli derivanti da aziende private destinati al progetto Matera 2019”, spiega la portavoce del M5S.
“Continua inoltre a essere ripetuta la bugia della governance dell’appuntamento Matera 2019. È sotto gli occhi di tutti che la gestione dell’evento sia stata commissariata, nonostante il Comune si rifiuti di ammetterlo e il governo regionale utilizzi per Nastasi l’appellativo ‘facilitatore’ anziché commissario. Sappiamo che il no di oggi ad una richiesta di trasparenza rientra nelle pratiche consolidate di questo Governo. Il M5S continuerà a vigilare e a pretendere ciò che dovrebbe essere scontato. La chiarezza nei confronti dei cittadini non dev’essere un miraggio” conclude Mirella Liuzzi.

Testo dell’ordine del giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal 18/06/2014: n. 2.261 visite per questo post.